La lotta dei messenger

In questi giorni, sto provando due messenger molto famosi. Il Live messenger di Microsoft, e yahoo messenger. Il primo, più diffuso in quanto installato di serie su i nuovi computer che montano winzoz, il secondo un po’ meno diffuso, in quanto necessita di scaricamento da apposito sito, e quindi installarlo quando la maggior parte degli utenti utilizza un messenger diverso risulta un po’ un controsenso. Ma vi assicuro che vale la pena installarlo, perché oltre alle funzioni base (video chat con web cam, scambio di messaggi instantanei anche con gli utenti che utilizzano il live messenger), ce ne sono molte altre per cui vale la pena spendere qualche minutino e istallare… una su tutte la condivisione instantanea delle fotografie. Basta trascinare le fotografie da condividere nell’apposita finestra che subito vengono messe in condivisione e rese visibili all’altro utente. E poi i vari plug-in tra cui la radio di yahoo, di cui ho già parlato in passato.
In questi giorni, sono online con entrambe i servizi. Se volete parlare con me in live messenger: robmarley@hotmail.it se invece volete fare gli alternativi come il sottoscritto, vi basta scaricare il yahoo messenger e inserire questo username: robmarley71. ed il gioco è fatto.

Vi lascio con una nuva fotografia:

saloscalato.jpg

Una vista si Salo – Lago di Garda (eh eh il mio teleobiettivo in azione!)
Ciao!

Salo (scorcio)

salobwscaled.jpg

Questo qui sopra è uno scorcio di Salò. Come vi avevo promesso, ho scattato un po’ di foto, e quindi ecco la prima. L’immagine era a colori, poi è stata trasformata in B&W… che ne dite? A me questo scatto piace… e a voi?

Ci sono…

Ci sono, non sono scappato in Australia (anche se devo ammettere mi piacerebbe!) Mi sono solo preso un periodo di pausa. Ogni tanto ci vuole, no?
La settimana scorsa, ho potuto finalmente togliere le ragnatele dalla mia macchina fotografica e mi sono cimentato in alcuni scatti. Presto (appena avrò il tempo materiale per scaricarle!) avrete modo di vedere le nuove immagini, quindi non allontanatevi troppo dal blog…
OK, per il resto tutto bene…
a presto…

Miticaaaaa!

Il concerto di Sabato scorso 2 giugno, è stato davvero una figata! Premetto che non ero mai stato ad un concerto in uno stadio (e credo non lo farò mai più perché preferisco l’atmosfera più intima dei palazzetti), ma quando mi sono visto in mezzo a tutta quella gente in trepidante attesa… mi sono sentito partecipe di qualcosa di veramente unico. In effetti si trattava di un evento, visto che la Pausini è l’unica donna fino ad oggi ad esibirsi a San Siro. Puntuale come un orologio svizzero, si sono abbassate le luci, ed è iniziato lo spettacolo. Io canto! E non solo la protagonista dello show, ma anche i 70.000 spettatori presenti. Un’unica voce che in alcuni momenti sovrastava quella della mitica Pausini, e ce ne vuole… ve l’assicuro.
Purtroppo di fotografie non ne ho fatte. Per paura d’essere perquisito all’ingresso dello stadio, ho lasciato il mio bazooka a casa. E vi dico una cosa: ho fatto male. Perchè non mi ha perquisito nessuno, e se volevo la macchina potevo portarmela. Mi stò ancora mangiando le mani! Il concerto è stato un mix di canzoni vecchie e nuove. Un elegante miscuglio di emozioni… Laura ha esordito dopo la seconda canzone dicendo: “Dedico questo concerto, a mia nonna, alla mia amica Antonella, e a tutte le donne che hanno due palle così!”. Sempre alla fine della seconda canzone, il pubblico del secondo anello rosso (io ero proprio posizionato li..) è stato protagonista di una coreografia organizzata dal fan club: Su ogni poltroncina c’era un foglio di vari colori che doveva essere sollevato sopra la testa alla fine della seconda canzone. Ora non ditemi cosa è saltato fuori, perché sinceramente la coreografia non è stata inquadrata dalle telecamere e la Laura non l’ha notata perché non ha detto niente, solo un grazie Milano… Vedremo nel DVD che verrà realizzato…
Ospite, attesissimo, Tiziano Ferro, che è stato accolto da un boato, talmente forte da oscurare per qualche secondo la musica e le voci. Povera Pausini, ha iniziato a piovere alla terza canzone ed ha continuato fino alla fine del concerto.

Insomma concludo dicendovi che è stato davvero un mitico concerto.
Peccato che all’uscita dallo stadio un mega ingorgo abbia rovinato la magia… Siamo stati fermi per quasi 2 ore,per colpa di un camion che aveva sbagliato ad imbucare il senso unico. E va be’, era da mettere in programma visto le 70.000 presenze!

Per il resto tutto ok… a presto…

PS: se il tempo “torna in se” magari riesco anche a produrre nuovi scatti…